Ultima modifica: 16 Luglio 2021
Istituto comprensivo statale Copernico > Sei in una poesia al giorno > Basta fingere quel rasoterra

Basta fingere quel rasoterra

Vola. Adesso. Basta fingere quel rasoterra. Vola. Vola. Vola. Sei più immenso dell’angusto abitacolo del corpo. Non fingere più. Sorgi. Ora..(…) di Mariangela Gualtieri

Vola. Adesso. Basta fingere quel rasoterra.
Vola. Vola. Vola.
Sei più immenso dell’angusto
abitacolo del corpo. Non fingere più.
Sorgi. Ora. Rimandi sempre.
Prendi tutto lo spazio. Brucia tutto
il tempo. Sorvola le cime del mondo.
Alloggia nel tuo cuore
le fate. Le orchesse. Le creature incantate
sono tutte qui. A te circondate.
Vaporizza il pensiero fino al puro
respiro. Ritorna al principio.
C’è tutto lo strascico di polvere d’oro
che fa di te un cosmo d’aurora
un guerriero in faccia ad Orione.
Hai cieli, hai stelle, hai prodigi di gioia
e abiti nel triste sgabuzzino della vita.

Mariangela Gualtieri
da Paesaggio con fratello rotto, 2007




Link vai su