Ultima modifica: 16 Marzo 2020
Istituto comprensivo statale Copernico > Sei in news > Organizzazione servizio fino al 3 aprile: nuove indicazioni

Organizzazione servizio fino al 3 aprile: nuove indicazioni

A seguito dell’emergenza sanitaria in corso: chiusura dei plessi, salvo casi casi indifferibili e di stretta necessità, e prosecuzione didattica a distanza e lavoro agile.

Il dirigente scolastico

  • Visto il decreto legge 23 febbraio 2020, n. 6 recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologia da COVID-19;
  • Vista la Direttiva n. 1/2020 del Ministro della Pubblica Amministrazione recante prime indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 nelle pubbliche amministrazioni;
  • Visti i DPCM adottati ai sensi dell’art. 3, comma 1, del decreto legge 23 febbraio 2020 , n. 6 in attuazione delle misure di contenimento dell’epidemia da COVID-19 e, in particolare, il DPCM 9 marzo 2020 recante misure per il contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale tra le quali la sospensione delle attività didattiche fino a 3 aprile 2020 su tutto il  territorio nazionale e il DPCM 11 marzo 2020 recante misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazione che individua la modalità del lavoro agile come modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni, al fine di limitare gli spostamenti per il raggiungimento del posto di lavoro per fermare  il propagarsi dell’epidemia;
  • Viste le note del Ministero dell’Istruzione n. 278 del 6 marzo 2020, n. 279 dell’8 marzo 2020 e n. 323 del 10 marzo 2020 con le quali vengono impartite alle istituzioni scolastiche disposizioni applicative delle suddette norme e, in particolare, vengono date indicazioni sullo svolgimento del lavoro del personale ATA e sull’applicazione dell’istituto del lavoro agile nel periodo di sospensione dell’attività didattica;
  • Vista la Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 2/2020 contenente “Indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19 nelle pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2 del Decreto Legislativo del 30 Marzo 2001 n. 165”;
  • Considerato in particolare che il paragrafo n. 2 della suddetta Direttiva prevede che “Le amministrazioni, nell’ambito delle proprie competenze istituzionali, svolgono le attività strettamente funzionali alla gestione dell’emergenza e le attività indifferibili”, e che “Le amministrazioni, considerato che – sulla base di quanto rappresentato nel successivo punto 3 – la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa è il lavoro agile, limitano la presenza del personale negli uffici ai soli casi in cui la presenza fisica sia indispensabile per lo svolgimento delle predette attività”;
  • Verificata la necessità di apportare modifiche alle precedenti disposizioni con le quali è stata disposta la riorganizzazione del lavoro del personale ATA precedentemente alla pubblicazione del DPCM 11 marzo 2020 che ha emanato ulteriori misure di contenimento del contagio a tutto il territorio nazionale limitando gli spostamenti alle sole indifferibili necessità e individuando la modalità del lavoro agile come modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa dei dipendenti della pubblica amministrazione;
  • Verificato che le attività strettamente funzionali alla gestione amministrativa e alla gestione delle attività di didattica a distanza avviate dai docenti di questa istituzione scolastica non richiedono la necessità della presenza fisica del personale amministrativo nei locali dell’istituto;
  • Viste le richieste del personale ATA di usufruire di modalità di smartworking;
  • Considerata l’emergenza in atto e la necessità di contenere il più possibile gli spostamenti fisici delle persone, a salvaguardia del bene primario della Salute pubblica;
  • Non ravvisando l’esigenza di autorizzare spostamenti del personale dal proprio domicilio per raggiungere il posto di lavoro con mezzo proprio o con i mezzi pubblici, in deroga alle disposizioni contenute nel DPCM 11 marzo 2020;
  • Sentita la Dsga;
  • Sentita la RSU;

dispone

  1. la chiusura dei plessi distaccati e della sede centrale;
  2. la sospensione del ricevimento del pubblico. Gli utenti potranno contattare la direzione e gli uffici di segreteria utilizzando la posta elettronica dell’istituto miic88900p@istruzione.it, oppure telefonando secondo le modalità che saranno indicate nel sito istituzionale icscopernico.edu.it entro mercoledì 18 marzo;
  3. il proseguimento della didattica a distanza, con le modalità fino ad ora adottate

Il dirigente scolastico attuerà modalità di lavoro agile, garantendo la sua costante reperibilità e, laddove necessario, la presenza per eventuali necessità connesse al funzionamento dell’istituzione scolastica. Assicurerà la piena funzionalità dell’istituzione scolastica a supporto della didattica a distanza e dell’attività amministrativa dell’ufficio coordinata dal DSGA, con il quale manterrà un contatto costante.
Inoltre, potrà disporre, con disposizione di urgenza, l’apertura del plesso centrale nei soli casi indifferibili e di stretta necessità, limitando comunque al minimo il contingente necessario (1 collaboratore e 1 assistente amministrativo).

La Dsga attuerà modalità di lavoro agile, garantendo la sua costante reperibilità e, laddove necessaria, la presenza per eventuali necessità connesse al funzionamento dell’istituzione scolastica. Assicurerà la piena funzionalità dell’attività amministrativa, nel rispetto della sua autonomia operativa, in collaborazione con il dirigente scolastico con il quale manterrà un contatto costante.

Gli assistenti amministrativi attueranno modalità di lavoro agile, secondo quanto predisposto dalla Dsga, dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 15:12, effettuando anche turnazioni per i giorni nei quali il plesso di segreteria sarà aperto.

Il personale collaboratore scolastico, la cui attività lavorativa non è oggetto di lavoro agile, ai sensi della nota del Ministero dell’Istruzione 10 marzo 2020, n. 323, resterà a disposizione per le eventuali necessità urgenti di apertura dei locali scolastici e, se non impegnato, sarà esentato dall’obbligo del servizio solo dopo aver fruito delle ferie pregresse. Il suddetto periodo, in riferimento alla fattispecie della obbligazione divenuta temporaneamente impossibile di cui all’art. 1256, comma 2, cc, è equiparato al servizio effettivo, ai fini giuridici ed economici.

Questa disposizione ha validità dal giorno 17 marzo 2020 al giorno 3 aprile 2020 e comunque fino a eventuali ulteriori disposizioni.

Questa disposizione è indirizzata a tutti gli utenti e gli interessati, viene pubblicata sul sito istituzionale della scuola, e dal 17 marzo in albo, e alla Commissaria prefettizia del Comune di Corsico.

Il dirigente scolastico
Alberto Ardizzone




Link vai su