Ultima modifica: 27 Marzo 2020
Istituto comprensivo statale Copernico > Sei in una poesia al giorno > Parlare ai bambini, ognuno di noi deve dire qualcosa ai bambini

Parlare ai bambini, ognuno di noi deve dire qualcosa ai bambini

Parlare ai bambini, ognuno di noi deve dire qualcosa ai bambini. Mettere ogni giorno da parte qualche bacio. Arriverà il momento. Guardare il cielo. In questi giorni è più pulito. (…) di Franco Arminio

Il cielo sopra di noi

Parlare ai bambini, ognuno di noi deve dire qualcosa ai bambini.

Mettere ogni giorno da parte qualche bacio. Arriverà il momento.

Guardare il cielo. In questi giorni è più pulito.

Considerare che molte delle cose che facevamo non erano necessarie.

Essere attenti è una virtù bellissima se si accompagna alla dolcezza. Lavatevi le mani, mandate carezze usando la rete.

Guardare gli spazi, ora si può capire meglio lo spazio della nostra città o del nostro paese. Che fortuna abbiamo ad avere dei luoghi che sono nostri, che nessuno ce li può togliere.

L’amore e la morte sono le uniche cose che ci riguardano veramente.

Inginocchiarsi ogni tanto. Guardare il cielo. Guardare negli angoli di noi stessi da tempo abbandonati

Stare molto concentrati sulle cose importanti della nostra vita. I virus non amano i grandi sognatori

Stare zitti ogni tanto, guardare più che parlare. Sapere che la cura, prima che dalla medicina, viene dalla forma che diamo alla nostra vita. Per sfuggire alla dittatura dell’epoca e ai suoi mali bisogna essere attenti, rapidi e leggeri, esatti e plurali. 

Avere pazienza, considerare che l’impazienza è un male capitale. Se questa storia finisce tra due mesi va bene, ma se finisce più tardi va bene lo stesso. Ci aspettano giorni bellissimi. Torneranno i miracoli.

Franco Arminio
dai decaloghi scritti in queste settimane (23 febbraio, 6 marzo e 16 marzo 2020)




Link vai su